mercoledì 17 settembre 2008

SUI MONTI CON ANNETTE DA STASERA SU BOING

A partire da questa sera su Boing, tutti i lunedì, mercoledì, venerdì e domenica alle 23.30, andrà in onda il cartone animato “Sui monti con Annette”.

Prodotto nel 1983 dalla Nippon Animation all’interno del progetto World Masterpiece Theater, di cui costituisce il nono capitolo, è basato su un classico della letteratura cristiana per ragazzi, "Treasure of the snow", un romanzo della scrittrice inglese Patricia St.John pubblicato nel 1950.

La serie, il cui titolo originale è Alps monogatari - Watashi no Annette, è composta da 48 episodi, andati in onda in Giappone nel 1983 e in Italia soltanto due anni dopo su Italia1.

La protagonista della storia è Annette Barniel, una vivace bambina di sette anni dal temperamento deciso, che vive in un tranquillo paesino della Svizzera, Rossinière. Suo grande amico è il tenero e sbadato Lucien. I due, nonostante l’affetto che li lega, si ritrovano spesso a litigare, a volte per motivi banali a volte per ben più gravi ragioni.

Annette ha un fratellino più piccolo di nome Dany a cui è molto legata e di cui cerca di prendersi cura nel miglior modo possibile, visto che la loro mamma, Francine, è scomparsa proprio dopo aver dato alla luce il bambino. Con loro vivono papà Pierre e la zia Claude, trasferitasi a Rossinière dopo la morte di Francine per occuparsi di Dany e della casa.

Il cartone si caratterizza per le emozioni forti e contrastanti che lo percorrono dall’inizio alla fine e per una trama spesso drammatica, ma allo stesso tempo molto coinvolgente. Fin dai primi episodi i momenti divertenti e spensierati si alternano ad avvenimenti tragici e commoventi, che segnano profondamente il carattere della protagonista e che la porteranno ad una graduale maturazione psicologica nel corso delle puntate. I sentimenti dei personaggi sono resi in modo impeccabile, scavando nel più profondo dell'animo umano, dove risiedono la rabbia, la vendetta, il rancore, ma anche il rimorso, il pentimento e il perdono.

Ottimi sono anche i disegni e le animazioni, molto belli soprattutto nei paesaggi e nelle espressioni facciali, fortemente espressive.

Nota di merito anche per i doppiatori e in particolare per Rossella Acerbo, voce di Annette, e per Julian Olivieri Orioles, che presta la voce a Lucien.

“Sui Monti con Annette” è un classico targato anni 80, che tuttavia ancora oggi può appassionare gli spettatori, grazie alla validità della storia e alla suggestiva quanto particolareggiata ambientazione sulle Alpi ai primi del Novecento.

1 commento:

  1. a me non piace tutti in montagna con annette :(

    RispondiElimina

I commenti contenenti offese, volgarità o insulti nei confronti di qualsiasi persona o ente saranno cestinati.

Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi ai gestori del blog, tantomeno se il commento viene espresso in forma anonima.